Story of a Colony #02 - Il Palloncino Rosso
16268
post-template-default,single,single-post,postid-16268,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1400,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-16.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

Story of a Colony #02

Story of a Colony #02

Cari amici, eccoci qua!

Come promesso, da oggi scopriremo insieme le origini e gli sviluppi della nostra bellissima Colonia: siete pronti?
Iniziamo ponendovi una domanda: alzi la mano chi di voi sa che la storia della Bolognese iniziò…da Riccione! Nessuno? Tranquilli, non lo sapevamo nemmeno noi fino a poco tempo fa 😀. Ma le biblioteche e gli archivi possono rivelarsi scrigni preziosi e il Palloncino può contare su validi segugi.

Apprendiamo infatti dal giornale “L’Assalto”, periodico dei Fasci di combattimento di Bologna fondato nel 1920, che nel giugno 1921 il Fascio Femminile bolognese prende l’iniziativa di aprire una “colonia marittima per i figli degli operai italiani” perché ha a cuore il “benessere materiale delle classi meno abbienti e, prima di tutto di quelli che dell’indigenza hanno di più a soffrire, cioè dei fanciulli”. Per fare ciò rivolge un appello a tutti i Fasci della Regione e quello di Modena è il primo a rispondere.

Molto presto viene organizzata una lotteria per reperire i fondi necessari e subito molti privati e commercianti offrono i loro doni: la pesca di beneficenza si tiene nel cortile di Palazzo Bonora, in via S. Stefano, e i premi vanno “dall’argenteria agli oggetti di vestiario, dalla cristalleria ai quadri di valore”.

Lo stesso giornale il 2 luglio annuncia che è già stata trovata la sede della futura colonia, precisamente a Riccione.
Il 30 luglio si tiene una seconda pesca nel loggiato di Palazzo Re Enzo, per l’occasione “illuminato con palloncini alla veneziana” e con la compagnia di mandolini e chitarre 🎶.
Il giorno seguente il primo gruppo di bimbi è già pronto per partire verso la spiaggia di Riccione “dove la colonia bagnante sta preparando grandi feste per i piccoli ospiti”.

Secondo voi come sarà andata in seguito? Lo saprete nella prossima puntata… (Per le fonti storiche si ringrazia l’Istituto per la Storia e le Memorie del ‘900 di Bologna, per l’immagine la Biblioteca dell’Archiginnasio)

Condividi: